utenti ip tracking

Cos’è la ghiandola pineale

La conoscenza che più di ogni altra ha consentito alla Pnei di parlare in modo scientifico di spiritualità è quella della ghiandola pineale. Questa è l’organo del corpo umano responsabile della regolazione dei ritmi biologici sulla base del ciclo giorno/notte.

Il principale ormone prodotto dalla ghiandola pineale è la melatonina, la cui secrezione è inibita dalla luce e stimolata dall’oscurità, con il conseguente venirsi a stabilire di un ritmo circadiano luce/buio, caratterizzato da bassi livelli ematici di melatonina durante le ore di luce e alti livelli durante la notte.

Secondo una visione unitaria della vita, la ghiandola pineale può essere considerata come il punto di unione tra la coscienza e il corpo, come dimostrato dal fatte che in tutte le patologie caratterizzate da un grave difetto della pineale (come l’autismo e le demenze senili) la persona perde il senso della sua identità.

A livello biologico, la ghiandola pineale recepisce tutti i ritmi biologici in relazione alla variazione del rapporto luce-oscurità e alla variazione dei campi magnetici e li trasforma in segnali chimici modulanti i vari sistemi biologici.

Dal punto di vista psicologico la Pnei ha evidenziato sistemi neuropsicochimici legati allo stress, all’ansia, al dolore e alla depressione, in grado di sopprimere la funzionalità del sistema immunitario e altri legati all’espansione di coscienza, alla gioia, all’amore e alla spiritualità, in grado di attivare l’immunità anticancro.

Così si mette in luce l’identità tra la chimica del piacere e la chimica della spiritualità: la biologia umana è concepita per l’amore, è strutturata in funzione dell’amore. Per esempio è stato dimostrato che la sua disfunzione durante l’infanzia espone ad anomalie endocrine, come la diminuzione dell’ormone della crescita.

Continua a leggere: Effetti positivi della fede